Una struttura a servizio della popolazione di Ugovizza

 
 
L’abitato di Ugovizza, in comune di Malborghetto-Valbruna pesantemente colpito dalla alluvione del 29 agosto 2003 che interessò l'intera area della Val Canale e Canal del Ferro, ha dal 5 giugno un nuovo Centro polifunzionale, rivolto ai giovani e ai meno giovani. La struttura, in parte all'aperto e in parte al chiuso, è stata realizzata (importo complessivo di 160 mila euro) grazie alla solidarietà di enti e istituzioni che, all'indomani dell'alluvione, si sono prodigati per aiutare le popolazioni colpite a ricostruire e a intraprendere la via dello sviluppo. Il nuovo centro polifunzionale ha come suo nucleo principale la vecchia stazione ferroviaria lungo la ''Pontebbana'', dismessa nel 1999. L'edificio, a tre piani, interamente ristrutturato, dotato di cucina, fungerà da punto di ritrovo. Nelle intenzioni del Comune vi dovrebbe essere allestita anche una biblioteca e, forse, un piccolo museo della ferrovia. Sempre alla vecchia strada ferrata apparteneva un altro edificio ristrutturato, la stazione di pompaggio per locomotive a vapore, che ora ospita servizi igienici, docce, spogliatoi a beneficio di chi usufruirà dell'adiacente campo per pallacanestro, pallavolo e calcetto, ma anche per i turisti di passaggio sulla ciclabile di ''Alpe Adria''. Completano l'opera un'arena all'aperto per manifestazioni, una zona giochi per i più piccini e una pedana destinata ai pompieri volontari, da utilizzare per allenamenti e per le gare di abilità molto in voga nelle zone montane e soprattutto nella vicina Austria, di cui oggi non è mancata una dimostrazione. All'inaugurazione, accanto al primo cittadino di Malborghetto-Valbruna, Alessandro Oman, che ha auspicato la ripresa del turismo e il rilancio di attività manifatturiere per evitare lo spopolamento della aree montane, sono intervenuti l'assessore regionale alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, i consiglieri regionali Sandro Della Mea e Franco Baritussio, sindaci dei comuni limitrofi.

Deli članek / Condividi l’articolo

Facebook
WhatsApp