26 Giugno 2019 / 26. junij 2019

Ne spreglejte Doma 30. junija
Non perdete il Dom del 30 giugno

V Domu z dne 30. junija je glavni naslov namenjen novici, da sta za razvoj Benečije, Rezije in Kanalske doline na voljo skoraj dva milijona evrov iz državnih sredstev za zaščito Slovencev. Na seji deželne posvetovalne komisije slovenske manjšine, ki je potekala 12. junija v Trstu, so namreč sporočili, da se je nakopičil milijon 894 tišoč evrov neizkoristenih sredstev iz 21. člena zaščitnega zakona, po katerem Država dodeljuje Deželi Furlaniji Julijski krajini letna finančna sredstva za razvoj občin v videnski pokrajini, v katerih je zgodovinsko prisotna slovenska manjšina. Člani komisije iz videnske pokrajine so predlagali, da tretijno teh sredstev namenijo spodbujanu kmetijskih dejvnostih, tretijno razvoju turizma in tretijno občinam za posege v korist prebivalstva. Odbornik Pierpaolo Roberti je vprašal, da se za naslednjo sejo posvetovalne komisije pripravijo konkretni predlogi. Naj povemo, da je 40,4 odstotkov denarja dodeljeno Nediškim dolinam, 26,3 odstotkov Terskim dolinam ter 33,3 odstotkov Reziji in Kanalski dolini. Oširno Dom poroča, da se je deželni odbornik Pierpaolo Roberti uradno odpovedal spremembi deželnega zaščitnega zakona 26/2007, s katero bi uvedel dvojni seznam za slovenske in neslovenske organizacije na Videnskem, ki razvijajo projekte v korist slovenskih narečij oz. jezikovnih različic, kakor jih navaja sam zaščitni zakon. Odbornik je obenem že za prihodnji četrtek, 27. junija, sklical delovno omizje na sedežu deželne vlade v Trstu, na katero bomo povabljeni trije deželni svetniki (Gabrovec, Slokar, Sibau), predstavniki krovnih organizacij SKGZ in SSO, predstavnik slovenskega konzulata in predstavniki videnskih društev, ki so sprožila zahtevo po ločenem registru. Že takoj pa je odbornik določil skupno trideset tisoč evro prispevka, ki bo preko posebnega razpisa namenjen delovanju šestih društev, ki niso včlanjene v seznam slovenskih društev, in Občini Rezija za delovanje na osnovi člena 22 o jezikovih različicah. Dom poroča tudi o seveti maši v slovenščini v Špietru. »Nimar buj velika je družina Benečanu, ki se vsako saboto zbiera v Špietu. Sa’ »družina« kliče msgr. Marino Qualizza viernike, ki hodijo in sodelujejo par sveti maši po slovensko, ki je ob 19.15 v farni cierkvi in vaja za dopuniti nediejsko zapuoved. Kakuo je tela družina vesela se je videlo v saboto, 22. junja, par zadnji sveti maši po slovensko pred polietnim premoram. Molili so posebno mašo par kateri so lepuo pieli ob spremljavi Davida Clodiga na orglah. Na koncu so parpravli družbno srečanje pred cierkvijo. Parnesli so za jesti in za piti, za mizo so se vsednili ku bratri in preživieli kupe nomalo cajta. Močnuo se je vzdignila slovenska piesam, tudi v odgovor tistim politikam, ki naumno pravijo, de Benečani nieso Slovenci.« Iz leta v leto, iz dneva v dan, raste število romarjev na Nebeški poti. Porast turistov zabeležijo tako osebe, ki v raznih etapah sprejemajo romarje, kot tudi ostali domačini, ki skoraj vsak dan opazijo mimoidoče pohodnike. Nebeška pot, ki jo imenujejo tudi Iter Aquileiense, je dejansko mednarodna romarska pot, saj je leta 2006 nastala na pobudo raznih romarjev iz Furlanije Julijske krajine, Slovenije in Koroške. V veri združuje romarje različnih narodnosti prav na Svetih Višarjah nad Žabnicami, kjer Mater Božjo z detetom že stoletja častijo Slovenci, Nemci, Furlani in Italijani.

Nel numero che porta la data del 30 giugno, il quindicinale Dom mette in primo piano i fondi per lo sviluppo stanziati tramite la legge di tutela della minoranza slovena. Alla riunione della Commissione consultiva regionale per la minoranza slovena, tenutasi a Trieste lo scorso 13 giugno, l’assessore regionale Pierpaolo Roberti ha fatto sapere che è a disposizione la cifra di 1.895.000 euro e ha chiesto che alla prossima seduta dell’organismo, nella prima metà di luglio, venga presentata la proposta di riparto della cifra. I membri della provincia di Udine hanno definito buona la soluzione della precedente destinazione di quei fondi andati per un terzo a sostegno delle attività agricole e forestali, per un terzo allo sviluppo del turismo e per un terzo agli interventi delle amministrazioni comunali. Territorialmente lo stanziamento va per il 40 per cento alle Valli del Natisone, per il 25 per cento alle Valli del Torre e per il 35 per cento a Resia e Valcanale. In cifre concrete, questa volta le Valli del Natisone dovrebbero ricevere 758 mila euro, le Valli del Torre 473 mila 750 euro, Resia e Valcanale 663 mila 250 euro. Ampio spazio viene dedicato anche al fatto che l’assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, che ha la delega alle identità linguistiche, durante la seduta del Consiglio regionale del 21 giugno, abbia ritirato la proposta di modifica alla legge regionale 26/2007 di tutela della minoranza slovena inserita nell’ambito della legge omnibus. La proposta mirava alla creazione di un nuovo albo delle associazioni impegnate nella tutela delle varianti linguistiche di Valcanale, valli del Natisone e del Torre. Contro la modifica si era espressa la Commissione consultiva regionale per la minoranza slovena. «Il nuovo registro creerebbe nuovi attriti nel territorio della provincia di Udine, nel quale si applica la legge di tutela 28/2001, fatto che danneggerebbe pesantemente la comunità slovena. Se l’amministrazione regionale desidera sostenere le associazioni di cui sopra, è libera di farlo, ma non stravolgendo la legge regionale di tutela», avevano evidenziato le organizzazioni di raccolta della minoranza slovena, Sso e Skgz. Al tema è dedicato anche l’editoriale del direttore responsabile, mons. Marino Qualizza. «Invece di dividerci in parti contrapposte, e per di più di numeri tanto esigui, da rischiare la sparizione, sarebbe il caso, e anche urgente, di unire le forze, per salvaguardare o difendere tanto la lingua standard come le forme dialettali, cosa che tutte le associazioni culturali in Benecìa hanno sempre fatto. Con amore e passione», consiglia. Tra i temi di carattere locale, il Dom sottolinea il grande successo, quindi, per la 3ª Camminata naturalistica, che si è svolta a Masarolis di Torreano domenica, 23 giugno. Circa centocinquanta persone sono salite alla borgata montana, invitate a trascorrere una giornata nella natura dalla Pro Loco di Masarolis/Mažeruola. Al centro sociale del paese i partecipanti hanno potuto iscriversi a due diversi itinerari alla scoperta di Masarolis e delle bellezze naturali nei suoi dintorni, percorrendo i sentieri sistemati e curati dai volontari della Pro loco. Il primo, di circa 4 km, in circa due ore ha portato i visitatori alla scoperta di una delle bellezze della zona di Masarolis, le cascate di Prelòh, mentre il secondo, di 10 km, in tre ore e mezza ha portato i camminatori al Monte Joanaz lungo il vecchio sentiero. Al termine della manifestazione, una volta tornati al Centro sociale del paese, non è mancata una ricca offerta gastronomica per tutti, per ristorarsi e stare ancora un po’ insieme. Dalle Farcadizze/Rouna, in comune di Faedis/Fojda giunge, poi, la notizia che due cani della famiglia Zaro sono diventati campioni del mondo nel concorso svoltosi a metà giugno in Slovacchia. Diversi gli articoli del Dom che trattano di turismo. È sempre maggiore il flusso di pellegrini che raggiungono il Lussari percorrendo a piedi il «Cammino celeste» che parte da Aquileia. In Val Resia da qualche anno nella località Ostje, a circa 15 minuti a piedi dalla frazione di Stolvizza/Solbica sul sentiero denominato Ta lipa pot, un’antica casa resiana è diventata un luogo di ospitalità per molti gruppi di ragazzi e adulti che scelgono di trascorrere un periodo a stretto contatto con la natura. La notizia più confortante delle ultime settimane per il futuro delle Valli del Natisone e dell’intera Benecia arriva da Pulfero e riguarda l’affidamento della gestione del camping di Podpolizza alla società «Kamp Nadiža» che si è fatta valere nel settore con la sua struttura a Podbela in comune di Kobarid. La speranza è che il successo della gestione a monte del Natisone si ripeta anche più a valle dello stesso fiume. Il «Kamp Nadiža» è stato infatti eletto miglior campeggio di piccole dimensioni della Slovenia nel 2016 e ogni anno ospita migliaia di turisti, molti dei quali provenenti dall’Olanda, dalla Germania e dall’Austria. C’è chi vi soggiorna anche tre settimane e i posti disponibili per i mesi estivi sono esauriti già il mese di aprile.