1 Aprile 2020 / 1. april 2020

Ne prezrite v Domu z dne 31. 3.
In primo piano sul Dom del 31/3

V Domu z dne 31. marca je v ospredju obhajanje Velike noči med pandemijo novega koronavirusa. Velika noč je osrednji krščanski praznik. V Benečiji, Reziji in Kanalski dolini jo preživimo v družbi naših družin in prijateljev ter ob utripu tradicionalnih običajev. Letos se vsi čutimo bolj osamljeni. »Tu je za nas izziv, da po eni strani potrpimo – tako, kot je Jezus trpel na Oljski gori, kjer ni imel nikogar ob sebi – po drugi strani pa se vprašamo, kako lahko olajšamo trpljenje nekoga, ki je vedno bolj osamljen. In to ne velja samo za čas karantene, ampak tudi za naše redno življenje. Morda nam Bog po tej epidemiji želi sporočiti, da je potrebno več časa posvetiti družini in bližnjemu in manj časa nakupovanju, zabavi ali čezmernemu delu,« v pogovoru za Dom poudarja pater Peter Lah, pastoralni skrbnik na Višarjah. Odgovorni urednik msgr. Marino Qualizza v uvodniku povdarja pa: «Na koncu himne “Jezus naš je ustu od smarti« pojemo: “Marija Devica, bod’ naša pomočnica pri Bogu nebeškemu in usmiljenem Jezusu.« Marija, ki je tudi ona doživiela smart an tarplenje an se je tudi z njenim Sinam veselila velikonočnega vstajenja, saj je tega deležna, nam pride na pomuoč, zak’ nam dà tudi ona upanje an vesejè večnega življenja.” Ker letos bodo odpadli verski obredi s prisotnostjo vernikov, bo na Veliko soboto, 11. aprila, ob 19. uri msgr. Qualizza zmolil z vsemi verniki in poslal blagoslov na ogenj in velikonočne jedil, ki jih bodo verniki postavili pred vrata svojih domov, da se bodo čutili ena velika družina, ki moli v svojem jeziku. V novi slovenski vladi je ministrica za Slovence v zamejstvu in po svetu postala Helena Jaklitsch. »Minister in Urad ne moreta sama doseči vsega, zato je nujna vključitev tega področja v delo več ministrstev, začenši z zunanjim, « je dejala. Posebno poslanstvo Urada vidi v spodbujanju in podpiranju učenja slovenskega jezika, tako formalnega kot neformalnega. Predsedniki krovnih organizacij Slovencev v Italiji in Italijanov v Sloveniji ter na Hrvaškem, Walter Bandelj (SSO), Ksenija Dobrila (SKGZ) in Maurizio Tremul (Italijanska unija) so v zvezi s stanjem na mejah naslovili pismo predsednikom italijanske, slovenske in hrvaške valde, predsedniku Evropskega parlamenta, predsednici Evropske komisije in evroposlancem iz Slovenije in Furlanije Julijske krajine. Prepoznavajo se predvsem v zaključku poziva, ki ga je v preteklih dneh podprlo tudi združenje Dialoghi europei in ki trdi, da »je to čas, ko je treba pokazati, da je Evropska unija skupnost vrednot s skupno usodo, da varuje življenja svojih državljanov in obstoj držav članic pred burnim svetom, polnim političnih, gospodarskih in zdravstvenih nevarnosti. Čas je za pogumne skupne korake za premagovanje strahu. Čas je za evropsko enotnost in ne za nacionalno delitev.«Seveda tudi velikonočna številka doma vsebuje mnenje Riccarda Ruttarja, spomine msgr. Marina Qualizze, članek o običajih Giorgia Banchiga, Cuffolov dnevnik, recept Lorette Primosig, Ješiške zgodbice Jurija Zad Tih, Ljudje v Posočju Pača in pravlijco Ade Tomasetig v stripu Morena Tomasetiga.

Il Dom del 31 marzo mette in primo piano la celebrazione della Pasqua in tempo di pandemia da coronavirus. «La sfida che affrontiamo è, da una parte, quella di accettare una sofferenza simile a quella di Gesù da solo sul Monte degli Ulivi e, dall’altra, di chiederci come possiamo alleviare la sofferenza di qualcuno che è sempre più solo. E questo non vale solo per il periodo della quarantena, ma per tutta la nostra vita ordinaria. Forse Dio con questa epidemia vuole farci comprendere la necessità di dedicare più tempo alla famiglia e al prossimo e meno a shopping, divertimento e lavoro sfrenato», sostiene nell’intervista con il Dom padre Peter Lah, curatore pastorale del Lussari. Nell’editoriale, il direttore responsabile, mons. Marino Qualizza, scrive: « La Pasqua di quest’anno passerà alla storia anche per il nuovo virus, questa ‘peste’ aggiornata, che ha messo in crisi diverse nostre certezze, che già godevano cattiva salute. Per noi cristiani la ricorrenza annuale assume un nuovo ed importante significato. A dire il vero ce l’ha sempre, ma spesso passa sotto silenzio, presi come siamo da aspetti più superficiali della festa. Ma lo stupendo canto pasquale con l’incipit ‘victimae paschali’, ci ricorda che ‘morte e vita si scontrarono in un epico duello’ al termine del quale il Signore della vita trionfò vittorioso». Anche la rubrica “l’Opinione” è dedicata al coronavirus. «Sarebbe blasfemo chiamare i vari virus, coronati o meno, il vaccino della terra nella propria difesa? E li ha mandati, la terra, i propri segnali contro l’insipienza presuntuosa dell’uomo che crede erroneamente nella propria regalità assoluta sul creato – scrive Riccardo Ruttar –! Basta leggere la storia dell’ultimo paio di secoli, in particolare da quando l’ascesa del sapere scientifico ha iniziato a spodestare qualsiasi trascendenza, relegando i valori spirituali al cosiddetto buonismo dei baciapile e creando nell’«homo scientificus» una sicumera traballante, nella presunzione di superare ogni problema umano affidandosi al ragno famelico dell’intelligenza artificiale». E Nello sconvolgimento provocato dal virus Covid-19, per gli abitanti delle valli della Benecia, Resia e Valcanale un ulteriore shock è venuto dalla chiusura del confine decretata dal governo sloveno. Non che la decisione avesse una ricaduta sulla vita concreta della popolazione, costretta in casa e con spostamenti non consentiti se non per le esigenze davvero urgenti, ma l’impatto psicologico è stato davvero pesante. Ai tanti di queste terre che hanno creduto e lottato (credono e lottano!) affinché muri e barriere tra i popoli cadessero, è venuto un groppo in gola e sono scese le lacrime davanti ai blocchi di cemento, quando non addirittura ai massi, collocati sulle carreggiate al confine per impedire il passaggio degli automezzi. Ci chiediamo: non sarebbe bastata della normale cartellonistica stradale di divieto di transito?Di converso è sorto spontaneo il sorriso (amaro) a sentire le vibranti proteste per la chiusura dei confini da parte di quanti nemmeno un anno fa, era il mese di giugno 2019, volevano innalzare proprio un muro lungo il confine tra Italia e Slovenia. Per fortuna, nel marasma generale c’è chi non ha smarrito il buon senso. «Il virus non si combatte con le barriere», ha sottolineato con forza la presidente della Commisione europea, Ursula von der Leyen, davanti all’Europarlamento. Affermando che «i confini interni tra gli Stati devono rimanere aperti», ha richiamato gli europei sull’impegno solidale per contrastare la malattia. «In poche settimane il mondo è cambiato, la vita di ogni giorno è cambiata. Siamo chiusi in casa, le strade sono vuote. Si lotta per la vita, scopriamo le nostre fragilità», ha ricordato. Ma quando terminerà l’emergenza? «Quando non ci saranno nuovi casi per trenta giorni», ha risposto il dott. Mario Canciani. Sconcerto, delusione e preoccupazione regnano nelle Valli del Natisone per il trasferimento del servizio di guardia medica, dallo scoro 16 marzo, da San Pietro al Natisone a Cividale. Anche e soprattutto perché non si tratta di una misura temporanea, dovuta all’emergenza Coronavirus, bensì definitiva. Non solo coronavirus, però, nel Dom. Oltre alle tradizionali rubriche e alle notizie dai comuni, questa volta c’è un reportage di Igor Jelen, da Cleveland, città dell’Ohio (Usa) caratterizzata da una numerosa comunità slovena (tra le 50.000 e le 80.000 mila persone) formata dai discendenti degli emigranti di fine 1800, che ha conservato la propria identità.