26 settembre 2018 / 26. september 2018

Ne prezrite v Domu 30. septembra
Cosa c’è nel Dom del 30 settembre

Druga septemberska številka petnajstdnevnika Dom postavlja v ospredje obširni intervjuju z deželnim odbornikom za lokalno samaupravo in varnost Pierpaolom Robertijem, ki ima tudi referat za jezikovne manjšine. Po Robetiju so le te »temelj naše avtonome dežele, zato ne smemo prezreti jezikov, ki se uporabljajo v Furlaniji Julijski krajini. Poseben statut imamo, ker pri nas obstajajo furlanščina, slovenščina in nemščina. Ne gre zgolj za simultano prevajanje v Deželnem svetu ali za dvojezične table. Gre za bistvo naše dežele. Ne smemo si dovoliti nižanja finančnih sredstev za zaščito naših jezikov, češ da so odveč in je treba podpreti bolj pomembne stvari. Ko se uveljavi pojem, da je podpora nemeškemu, slovenskemu ali furlanskemu jeziku odvečna, smo izgubili pravico do posebne avtonomije. Nismo več Furlanija Julijska krajina, temveč navadna dežela in izgubimo vse prednosti, ki nam jih prinaša status avtonomne dežele.« Obenen Roberti izraža močno politično in inštitucionalno podporo čezmejnemu grozdu (clusterju), ki ga ustanavlja 26 občin obmejnega pasu videnske pokrajine in Posočja in poudarja, da čezmejnega sodelovanja ne bo nikakor ogrožil zaostren nadzor državne meje, da bi preprečili ilegalne prehode. V uvodniku odgovorni urednik msgr. Marino Qualizza piše o 80-letnici proglasitve protijudovskih zakonov in spominja, da so se fašisti lotili Slovencev kar 18 let prej. Na prvi strani objavljamo tudi kolumno Igorja Jelena, univerzitetnega profesorja gospodarske in politične geografije, o obupnem stanju čezmejnih prevozov. Nedopustno je, da vlak iz Vidna do Ljubljane potuje kar štiri ure. Na 6. strani je obširno poročilo o nadavnem posvetu v Tipani, na keterem so ugotovili, da za dobro gozdarstvo je treba prisluhniti ljudem in skrbno načrtovati posege. Na 8. strani je govor o pobudi za domačo gubanco kot kulturno dediščino Benečije in prizadevanju enega furlanskega podietnika, da bi jo iz tržnih razlogov prekrstili v “Grappa pie”. Na stani posvečeni Kanalski dolini je pogovor z Ukljanko Natašo Errath, ki upravlja kočo na Bistriški planini, sicer na avstrijski strani meje. Na športni strani priporočano pogovor s članico slovenske ženske nogometne reprezentance Kajo Eržen, ki v dresu Tavagnacca nastopa v italijanki prvi ligi.

In apertura dell’edizione del 30 settembre, il quindicinale bilingue Dom pone in primo piano l’intervista con l’assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, che detiene anche il referato per le minoranze. «Le lingue minoritarie sono un aspetto non soltanto di tipo culturale – afferma –. Anzi. Sono il fondamento della nostra Regione. Non possiamo prescindere dalla valorizzazione delle lingue minoritarie presenti sul territorio perché siamo Regione a statuto speciale in quanto abbiamo il tedesco, lo sloveno e il friulano. Non possiamo permetterci di sottovalutare questo aspetto, che non è soltanto il traduttore in Consiglio regionale, il cartello bilingue… Ma è l’animo stesso della nostra regione. Quindi non possiamo dire che quelle per le lingue siano spese superflue, che magari possono essere tagliate, perché c’è altro di più importante da fare. Nel momento in cui facciamo passare il concetto che è superfluo sostenere il tedesco, piuttosto che lo sloveno o il friulano, viene meno la nostra specificità; non siamo più Friuli Venezia Giulia e siamo esattamente come le altre Regioni. E a quel punto perdiamo anche tutti i vantaggi che ci possono arrivare dall’essere Regione a statuto speciale». Nell’editoriale, il direttore responsabile, mons. Marino Qualizza, ricorda l’ottantesimo delle leggi razziali nei confronti degli ebrei e nello stesso tempo ricorda che la persecuzione fascista degli sloveni inizò ben 18 anni prima. «Di fronte a una razza inferiore e barbara come la slava, non si deve seguire la politica che dà lo zuccherino, ma quella del bastone. I confini dell’Italia devono essere il Brennero, il Nevoso e le Dinariche: io credo che si possono sacrificare 500 mila slavi barbari a 50 mila italiani», tuonò Mussolini a Pola nel 1920. In prima pagina c’è anche un interessante intervento di Igor Jelen, docente universitario di geografia economica e politica, a proposito dei collegamenti trans-confinari, che definisce disastrosi. «Solo qualche esempio: le linee di bus, di treni, di traffico in genere, che arrivano dai rispettivi entroterra sloveno e italiano non si incontrano in un punto intermodale, ma continuano a fermarsi dalla propria parte del confine, a chilometri di distanza, e magari continuano trasportare zero passeggeri; il nuovo treno da Udine a Lubiana ne è un ulteriore esempio, su una tratta da 90 minuti circa (150 km) ci mette 4 ore». Ampio spazio è dedicato al convegno, tenutosi a Taipana, per riflettere insieme sulle dinamiche da porre in atto, affinché il settore forestale abbia nuove prospettive, affinché acquisisca nuovo slancio e, soprattutto, non vada perdendosi. Da segnalare anche l’ampio servizio «La gubanca delle Valli non si ubriaca con la grappa», dedicato all’incontro con al centro il dolce tipico della Benecia in occasione delle Giornate europee del patrimonio culturale, nel quale è stata fermamente respinta la volontà di un imprenditore friulano di cambiare il nome “gubana” in “grappa pie” per una più facile commercializzazione del prodotto negli Usa.