14 novembre 2018 / 14. november 2018

Ne prezrite v Domu 15. novembra
Da leggere nel Dom del 15. novembre

V 20. letošnji izdaji petnajstdnevnika Dom, z dne 15. novembra, postavljamo v ospredje občni zbor Sveta slovenskih organizacij, ki bo v Špietru 16. novembra. SSO je ena od dveh krovnih organizacij Slovencev v Italiji. Ustanovljena je bila leta 1976 na krščanskih vrednotah in združuje številne organizacije in društva s področja kulture, politike, gospodarstva in izobraževanja. Pri njenem nastanku so sodelovali tudi zavedni beneškoslovenski duhovniki. SSO je vse bolj zasidran, dejaven in cenjen v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini. V priprave na občni zbor je sodilo tudi odmevno srečanje s sedmimi župnani Nediških dolin, ki je potekalo 24. otuberja na županstvu občine Svet Lienart v Gorenji Miersi. Skupno prizadevanje je ključ za razvoj Benečije, da bi beneškim rojakom zagotovili osnovna sredstva za normalno življenje, je bilo rečeno. V uvodniku odgovorni urednik msgr. Marino Qualizza razmišlja o neurju, ki je prizadelo tudi Benečijo in Rezijo konec oktobra in začetek novembra. „Tele zadnje tiedne pa smo utarpieli novo škodo za nas an za našo zemljo, zavojo tistih strašnih plavočin an orkanskih vetrovu, ki so vargli na tla cele dežele, vasi an hosti, cieste an mostovje, posebno v Karniji, Kadoru an na Siciliji. An se zdi, de vse tuole niema konca, zak’ se je zgubila tista zaveza med človiekam an naravo. Vse tuole je odvisno od človieške pogubljivosti, ki čé vse imieti, brez nobednega spoštovanja an brez nobedne miere. An tuole se še vič gaja, kjer so ljudje buj bogati. Nič jim nie zadost,“ piše msgr. Qualizza. Med dogodki izstopa 33. Senjam beneške piesmi, ki je potekal 10. in 11. novembra na Liesah v organizaciji kulturnega društva Rečan_Aldo Klodič in ob prisotnosti ministra za Slovence v zamejstvu in po svetu Petra Jožefa Česnika. „Pogostu pravimo al’ čujemo, de ti mladi na znajo naredit nič. Senjam beneške piesmi, ki je biu lietos že 33. krat na Liesah, je v saboto 10. an v nediejo 11. novemberja pokazu, takuo ki že puno liet kaže, de nie takuo, de mladi se znajo potruditi an doseči tudi lepe uspehe,“ je poročala Veronica Galli. Sedmo stran posvečamo „Nebeški romarski poti iz Ogleja do Svetih Višarji. „Nebeška pot, oziroma Iter Aquileiense, je romarska pot, ki je nastala leta 2006 na pobudo raznih romarjev iz Furlanije Julijske krajine, Slovenije in Koroške. Je mednarodna pot, saj združuje romarje različnih narodnosti prav na Višarjah, kjer Marijo že stoletja častijo Slovenci, Nemci, Furlani in Italijani. Nebeško pot sestavljajo tri poti: italijanska, slovenska in avstrijska. Vsaka izvira iz enega kraja, ki je zelo pomemben v verski zgodovini posamezne dežele. Italijanska romarska pot izvira iz Ogleja v Italiji (kjer so prvič oznanili evangelij in od koder so misijonarji odšli oznanjat krščansko sporočilo v srce Evrope); slovenska z Brezij v Sloveniji (na Brezjah se nahaja najpomembnejše slovensko Marijino svetišče); avstrijska pa od Gospe Svete na avstrijskem Koroškem (kjer se nahaja čudovita cerkev iz 8. stoletja, ki je izredno pomembna tako v koroški zgodovini kot v kulturni in verski identiteti Srednje Evrope). Vse tri poti vodijo romarje najprej do Žabnic in nato na Svete Višarje,“ poudarja Luciano Lister.

Nel ventesimo numero di quest’anno, che porta la data del 15. novembre, il quindicinale Dom pone in apertura l’assemblea generale della Confederazione delle organizazioni slovene, che si terrà a San Pietro al Natisone il 16 novembre. «La scelta per la sede della nostra assemblea è caduto su San Pietro al Natisone non solo per una questione di rotazione tra le tra province nelle quali è presente la comunità slovena – sottolinea nell’intervista rilasciata al Dom il presidente regionale della Confederazione, Walter Bandelj –. La provincia di Udine è per noi molto importante e San Pietro al Natisone un centro molto vitale. Quello appena trascorso è stato un intenso triennio di impegno per gli sloveni di Benecia, Resia e Valcanale, nel quale la nostra confederazione si è ulteriormente consolidata. Il territorio ha risposto in maniera egregia alle nostre iniziative. Qui vedo persone fortemente impegnate nella tutela e valorizzazione di lingua e cultura slovena nonché a favore di un territorio che davvero necessita sostegno. Dobbiamo aiutarlo anche come Confederazione. Se si investe sulla Benecia il risultato e la soddisfazione sono garantiti». Nella rubrica “L’opinione”, Riccardo Ruttar riflette sulla tragica condizione della montagna messa in evidenza dalle recenti alluvioni. “Ho ripreso in mano calcoli demografici già fatti nel recente passato, quelli relativi alla cosiddetta Slavia o Benečija e, sebbene già abbondantemente preparato alle delusioni, mi rimane difficile inghiottire l’ultima – scrive – . Dal censimento del 2011 a oggi i dieci comuni della provincia di Udine un tempo «compattamente sloveni» hano perso altri 719 residenti. Quasi il dieci per cento in appena sette anni! La situazione sta diventando irreversibile, a meno che non si metta mano alla reale valorizzazione dell’ambiente, della identità etnica linguistica e culturale. E che si faccia finalmente squadra, in tutto; nell’analisi delle carenze e delle eccellenze, nella progettazione di iniziative confacenti al particolare territorio ed al suo possibile sfruttamento.” Pagina sette è dedicata al Cammino celeste o Iter Aquileiense, che regista una crescita costante di pellegrini. Il percorso, che unisce fede, natura e cultura, è nato nel 2006 dall’iniziativa di un gruppo di fedeli di Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia. I suoi itinerari riuniscono pellegrini di diversa etnia e cittadinanza proprio a Lussari/ Svete Višarje, dove già da secoli le genti di lingua slovena, tedesca, friulana e italiana si rivolgono a Maria. Il Cammino celeste si compone di tre percorsi: italiano con partenza a Aquileia, sloveno, con partenza da Brezje, e austriaco, con partenza da Maria Saal. Passando per la provincia di Udine, il Cammino italiano tocca, in pratica, tutte le zone in cui sono ancora parlati i locali dialetti sloveni. Nelle pagine di cronaca, ampio spazio è dedicato al Senjam beneške piesni, il festival delle canzoni nei dialetti della Slavia e di Resia, che questa volta ha arricchito il patrimonio culturale locale di 15 nuovi pezzi e ha visto protagonisti tanti giovani. A Prepotto, poi, si aggiusta la strada delle uova rotte. “Niente più frittate in arrivo a Prepotto. Dopo avere sollevato un vero e proprio caso, si è giunti alla soluzione: si aprono i cantieri per sistemare la strada che collega località Tercimonte/Tarčmun al fondovalle. Ricordiamo che lì ha sede un’importante realtà produttiva del comune di Prepotto: l’azienda UovoFriuli della famiglia De Angelis, che con migliaia di galline dà lavoro in montagna a diverse persone. Da diverso tempo, tuttavia, ogni carico di prodotto diretto verso la pianura per la vendita è messo a rischio dal primo tratto di strada – quello che collega Tercimonte all’immediato fondovalle, per intenderci. Quando, un paio d’anni fa, il caso era giunto alla ribalta della cronaca locale, si era stimato che su circa 60.000 uova al giorno allora prodotte, 1.8003.000 per volta potessero essere danneggiate da buche, erosioni e cedimenti del manto presenti sulla strada in discesa”, scrive Luciano Lister. Una bella notizia arriva da Stolvizza, in Val Resia. “In un contesto difficile, quale da sempre è quello di montagna, aggravato in questo ultimo periodo da condizioni meteorologiche quanto mai avverse che hanno creato grosse difficoltà a tutti, appare un segnale di quanto mai concreta speranza la notizia che arriva da Stolvizza/Solbica dove riapre, dopo appena due mesi di chiusura, il negozio alimentari Ta stara bugëta/La vecchia bottega. (…) Vale la pena sottolineare come questa bella iniziativa sia stata resa possibile, oltre che dalla voglia della gente di Stolvizza nel non lasciare nulla di intentato per far vivere il paese, soprattutto dal coraggio dell’Associazione ViviStolvizza”, si legge nell’articolo di Sandro Quaglia.