17 Gennaio 2020 / 17. januar 2020

Ne prezrite prvega Doma v letu 2020
Ecco il primo Dom del 2020

V prvi letošnji izdaji Doma je v ospredju knjiga “Rojaki. Pol stoletja sodelovanja med beneškimi in posoškimi Slovenci”, ki jo je založniška zadruga Most izdala ob 50. jubilejnem novoletnem srečanju Slovencev videnske pokrajine in Posočja. Knjiga vsebuje štiri poglavja. Parvi je “Meje in odnosi med posoškimi in beneškimi Slovenci skozi zgodovino”, drugi “Odnosi Posočja s sosedi na zhodu”, tretji “Novoletna srečanja so še zelo potrebna”, četrti je fotoalbum od parvih do lanskega srečanja. “Tistih nekaj mož, ki so se prvič srečali pred petdesetimi leti v Starem Selu, so, morebiti nezavedno, hoteli dokazati, da zgodovina Slovencev iz Posočja, Benečije, Rezije in Kanalske doline ni bila vedno le zgodovina meja in vojn, osvajanj, zmag in porazov, vojska in bitk. Dokazati so hoteli, da je na tisti zemlji živela ponosna slovenska skupnost, ki je drugim Slovencem in sosednjim narodom zgradila in ponudila močno pričevanje o civilizaciji, kulturi, umetnosti in navezanosti na človeške vrednote,” poudarja Banchig. Tokrat Dom vsebuje naslednje teme. Uvodnik: Sodelovanje je treba krepiti. Versko življenje: papež poudarja, da je mir je pot upanja in sprave. Zgodovina in kultura: Svobodni smo, dokler ohranimo slovenski jezik in naša izročila. Poglobimo in premislimo o ekologiji: Dejstvo je, da čudežne paličice ni. Iz Nediškid dolin: občine največ finančne podpore namenjajo športnim društvom; sporočilo z Dneva emigranta: če bojo zmanjkali ljudje, bo umrl tudi slovenski jezik; nasmehi in pesmi v domačem jeziku iz Ukev do Mažerol. Tereske doline: Vas ter ostala brez trgovine, Tipana upa, da jo bo spet imela. Kanalska dolina: Z dobro voljo in nasmehom lahko navade lepo oživimo. Rezija: Prebliski duhovnosti in prostovoljnega dela. Posočje: od igel do urinskih katetrov, 60-letnica podjetja TIK. Šport: Valnatisone remiziral; zmago pogreša od 3. novembra.

Nella prima uscita del 2020, il quindicinale Dom mette in evidenza il libro «Rojaki-Pol stoletja sodelovanja med beneškimi in posoškimi Slovenci» edito dalla cooperativa Most in occasione del 50° incontro di inizio anno tra gli sloveni della provincia di Udine e del Posočje. Nel gennaio 1971 nella trattoria Štih di Staro selo si incontrarono otto rappresentanti del comune di Tolmin (che allora comprendeva anche Kobarid e Bovec) e otto operatori culturali e sacerdoti delle valli del Natisone e del Torre. Lo scopo era di coinvolgere nel dialogo tra Italia e Jugoslavia (in questa parte del confine a tirare le fila erano i Comuni di Cividale e Tolmin) la comunità slovena della provincia di Udine, fino a quel momento trascurata. Sicuramente quelle sedici persone, decise a rinnovare, nonostante gli allora due sistemi politici ed economici tra essi antagonisti, la millenaria collaborazione tra le genti dei due versanti del Matajur, Stol, Kolovrat, Canin e Predil, bruscamente interrotta dopo la seconda guerra mondiale, mai si sarebbero nemmeno sognati che un paio di decenni più tardi le loro valli si sarebbero trovate insieme nell’Europa unita e senza confini, con una Slovenia stato indipendente e sovrano. Lo storico Giorgio Banchig scrive: «Quando i confini sono caduti, quegli uomini erano commossi, quasi increduli, tuttavia più preparati degli altri a vivere nella nuova Europa e acomprendere il profondo significato del poter attraversare il confine senza doversi fermare a mostrare i propri documenti e a dichiarare i propri acquisti. Quegli uomini avevano sognato quel momento, avevano operato affinché giungesse, gli avevano preparato la strada». Ecco gli altri argomenti trattati dal Dom. Editoriale: Collaborazione da rafforzare. Vita religiosa: il papa afferma che la la pace è un cammino di speranza e riconciliazione. Storia e cultura: Siamo liberi finché conserviamo la lingua slovena e le nostre tradizioni. Approfondimento sull’ecologia: il dato di fatto è che non esiste la bacchetta magica. Valli del Natisone: nei contributi dei Comuni alle associazioni lo sport fa la parte del leone; monito dal Dan emigranta: se non ci saranno abitanti morirà anche la lingua slovena; nei concerti di Avvento e Natale sorrisi e canti nella lingua dei nostri paesi da Ugovizza a Masarolis. Valli del Torre: Pradielis perde il negozio, Taipana spera di riaverlo. Valcanale: con la buona volontà e il sorriso si possono far rivivere le tradizioni. Resia: dalle Stelle d’argento scintille di spiritualità e volontariato. Valle dell’Isonzo: dagli aghi ai cateteri, il sessantesimo anniversario della fabbrica TIK di Kobarid. Sport: un pareggio per la Valnatisone che non vince dal 3 novembre.