12 Giugno 2015 / 12. junij 2015

Il Giro d’Italia 2016 in Slavia
“Giro 2016” bo obiskal Benečijo

Una tappa del Giro d’Italia 2016 tutta nelle valli del Torre e del Natisone per ricordare il centenario della prima guerra mondiale e il quarantesimo del terremoto? Secondo Enzo Cainero, organizzatore della corsa rosa in Friuli Venezia Giulia è cosa praticamente fatta. «La cosa è definita al 90 per cento, mi tengo un dieci per cento per scaramanzia», ha affermato in una lunga intervista con la Vita Cattolica, il settimanale dell’arcidiocesi di Udine. La decisione definitiva sarà presa entro questo mese di giugno.
«La cosa dovrebbe andare in porto. Attendiamo la conferma ufficiale da Milano (l’organizzazione è della Gazzetta dello Sport, ndr.), ma come Comune, in sinergia con la Comunità montana, stiamo già mettendo in moto la complessa macchina organizzativa», ci ha detto il sindaco di Drenchia, Mario Zufferli.
L’idea del passaggio della corsa rosa nelle valli del Natisone a cent’anni dal conflitto è nata nell’ambito degli incontri transfrontalieri tra Slavia e alta valle dell’Isonzo. Ad attivarsi è stato in primo luogo il sindaco Zufferli, che ha preso contatti con Cainero. Nel 2012 il suo consiglio del comunale ha approvato anche un ordine del giorno con la candidatura ufficiale a ospitare il passaggio della corsa.
La prima ipotesi era quella di uno sconfinamento della carovana in Slovenia attraverso il passo del Predil, la discesa a Bovec e Kobarid, poi la salita al Kolovrat e l’arrivo a Solarje, proprio nei pressi delle trincee.
Secondo quanto anticipato a la Vita Cattolica, Cainero ha scartato entrambe le idee. Niente Slovenia e nemmeno arrivo a Drenchia. «È impensabile portare a passo Solarje tutti i bus e i camion che servono per un arrivo. No, se la tappa si farà, l’arrivo sarà a Cividale», ha risposto l’organizzatore a una precisa domanda del giornalista Stefano Damiani. Ha escluso anche la scalata completa del Matajur fino alla località Laze, dove c’è il rifugio Pelizzo, perché non c’è una strada di rientro, e per questo lascia intendere che il percorso potrebbe salire da Savogna per la strada stretta fino al paese di Montemaggiore e da lì proseguire verso Cepletischis e il San Martino.
Leggendo le dichiarazioni di Cainero, abbiamo provato a immaginare un percorso. Partenza da Tarcento, poi fino ad Attimis lungo la strada a fondovalle. Quindi la salita a Porzus e poi a Canebola. Da qui due ipotesi: la discesa a Faedis o il più suggestivo passaggio per le Farcadizze fino a Montefosca, per poi scendere a Pulfero. A fondovalle in direzione di San Pietro e Savogna, quindi la dura salita a Montemaggiore, discesa a Masseris e Cepletischis, scalata del San Martino, discesa a Clodig e salita a Drenchia via Trusgne. Passati nelle vicinanze di Solarje a Clabuzzaro, si prosegue verso Tribil Superiore e Castelmonte. Da lì discesa a Cividale per l’arrivo.
Una possibilità di passaggio per Solarje ci sarebbe, invece, con un piccolo sconfinamento che darebbe anche un tocco di transfrontalierità alla tappa. Da Cepletischis si potrebbe andare a Livek e scalare il Kolovrat dal versante sloveno.
Il percorso da noi delineato è un puro esercizio di fantasia, in attesa di indicazioni più precise.
Comunque sia, questa tappa, che Cainero nell’intervista chiama della Comunità montana Torre, Natisone e Collio (ma nel prossimo maggio non esisterà più), con i suoi continui saliscendi metterebbe a dura prova i ciclisti e risulterebbe certamente tra le decisive per il risultato finale. Proprio per questo richiamerebbe decine di migliaia di appassionati lungo il percorso e parecchi milioni di persone di ogni parte del mondo davanti al piccolo schermo.
Il risultato di promozione per la Slavia-Benečija sarebbe eccezionale e a lungo termine. Anche perché gli appassionati di ciclismo amano ripetere i percorsi compiuti dai loro idoli sui pedali. Basta vedere quanta gente attrae lo Zoncolan, in Carnia, dopo che è stato interessato da quella che è una delle principali corse a tappe al mondo, seconda per prestigio solo al Tour de France. E poi ogni tappa del Giro è accompagnata da numerosi eventi collaterali. In definitiva, per valli del Torre e del Natisone si otterrebbe un fantastico volano turistico.
Ancor prima ci sarebbe il beneficio della sistemazione di tutte le strade interessate dalla corsa, compresa la pulizia della vegetazione adiacente.
«Ce n’è davvero bisogno, e non solo per permettere le riprese delle telecamere. Assieme al commisario della Comunità montana, Sandro Rocco, stiamo predisponendo un progetto dettagliato», fa sapere Zufferli.

Skoraj gotovo je, da bo prihodnje leto kolesarski Giro d’Italia prišel v Benečijo ob stoletnici prve svetovne vojne in štiridesetletnici potresa, ki je prizadel Furlanijo in Benečijo maja 1976. To je povedal Enzo Cainero, zadolžen za organizacijo Gira v FJk, v dolgem pogovoru za tednik videnske nadškofije La Vita Cattolica. Poudaril je, de ima njegov projekt kar devetdesetodstotno možnost uspeha. »Ostalih deset odstotkov sipridržim le iz previdnosti,« je zatardil. Start etape je postavil v Čenti, cilj v Čedadu. Vmes naj bi se kolesarji povzpeli v številne beneškoslovenske vasice. Da bo Benečija maja 2016 po vsej verjetnosti gostila drugo svetovno najbolj pomembno kolesarsko dirko na etape je Domu potrdil dreški župan Mario Zufferli. Uradna odločitev bo znana še ta mesec. Cainero že več let pripravlja etape Gira v Furlaniji. V preteklih letih je že povedel dirko na Zoncolan, na Montaž in v Gumin. Za prihodnje leto je pripravil pa projekt za Terske in Nediške doline. Kakor lahko razberemo iz intervjuja, naj bi se etapa prihodnjega maja pričela v Čenti, šla do Ahtna, se povzpela do Porčinja, nato do Čeniebole. Potem bi kolesarji vstopili v Nediške doline, se ne ve, če skoziČrni Vrh aliFojdo, se povzpeli do vasi Matajur, se spustili v Čeplešišča, šli cez Sveti Martin h Klodiču, nato čez Trušnje v Dreko in do Brega pod Solarjami. Od tam do Stare gore in Čedada, kjer naj bi bil cilj. Se pravi, da bi bilaena med najtežjimi in odločilnimi etapami Gira 2016. Zato bi nase pritegnila oči celega sveta. Seveda bi bil Giro d’Italia velika priložnost za Benečijo s turističnega vidika. Tisti dan bi se ob beneških cestah zbralo na desettisoče ljudi. Po televiziji pa bi etapo spremljalo na milijone ljudi. Videli bi lepote naših krajev in kako so primerni za kolesarski šport. Marsikdo bi se potemprišel vozit po cestah, po katerih bi tekmovale zvezde kolesarstva. Prvi rezultat pa bi bil še prej, saj bi popravili vse ceste, po katerih bi šel Giro, in očistili svet ob poti. »Ti posegi so zares potrebni, da bi kolesarjem zagotovili varno vožnjo in omogočili televizijske posnetke. Pa bodo potem urejene ceste in očiščeni gozdovi ostali za naše ljudi in turiste,« je poudaril Zufferli, dreški župan, ki skupaj s kolegom iz Ahtna Sandrom Roccom, ki je tudi komisar Gorske skupnosti Ter, Nediža in Brda, pripravlja projekt za te posege. Ideja o Giru v Benečiji se je rodila pred leti pri nekaterih zavednih beneških Slovencih in je imela veliko podporo na novoletnih srečanjih v Posočju. Zanjo je zelo zavzel župan Zufferli. Leta 2012 je resolucijo o tem sprejel dreški občinski svet. Treba pa je povedati, da je bila prva zamiselspeljati kolesarsko dirko tudi skozi Kobarid in od tam na Kolovrat. V Posočju se še prizadevajo, da bi do tega prišlo. Lahko bi progi, ki jo je narisal Cainero, dodali varianto. Namesto na Sveti Martin, bi lahko kolesarji iz Čeplešišč šli na Livek in se od tam povzpeli na Kolovrat do Solarijev. Tako bi se zares dotaknili krajev prve svetovne vojne.