3 febbraio 2015 / 3. februar 2015

Zbuogam, Aldo Klodič
La Slavia piange Aldo Clodig

IMG_3438Težka izguba za Benečijo in vse Slovence v videnski provinci. V pandiejak, 2. febrarja, je po hudi boliezni umaru poznani kulturni dielovac Aldo Klodič. Imeu je 69 liet, saj se je rodiu 6. otuberja 1945 v Garmaku. Njega ime bo ostalo zapisano med narbuj zaslužnimi Benečani, saj je biu med protagonisti preporoda Slovencu v videnski provinci. Na koncu šestdesetih liet prejšnjega stuolietja je začeu sodelovati z lieškim kaplanam g. Rinam Markičam in pieti v zboru Rečan. Pieu je v tistim zboru skuoze celuo življenje, puno liet ga je tudi vodu. Njega ime je pa še narbuj povezano s Sejmam beneške piesmi, katerega je biu nimar dušica. Napisu je veliko število piesmi. Tudi tisto, ki je udobila na parvim Sejmu lieta 1971. Ima naslou “Pustita nam rože po našim sadit” in je še donašnji dan nieke sorte program, de bi obvarvali slovensko identiteto v Benečiji. Klodič je biu vičkrat predsednik kulturnega društva Rečan in je vekuštu ter izpeju puno kulturnih iniciatiu. Zapisu je številne igre za Beneško gledališče, za nekatere je biu tudi režiser. Pisu je tudi poezije in je lieta 2009 izdau zbierko “Duhuor an luna”. Klodičev pogreb bo v saboto 7. febrarja on 14.30 na Liesah..

La Slavia- Benečija è in lutto per la morte di uno dei protagonisti della sua rinascita linguistica e culturale. Lunedì 2 febbraio, dopo una lunga malattia, è morto Aldo Clodig. Aveva 69 anni. Era nato a Grimacco il 6 ottobre 1945 e alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso aveva iniziato a collaborare con il cappellano di Liessa, don Rino Marchig, e a cantare nel coro “Rečan”, col quale ha continuato per tutta la vita, per un lungo periodo anche come direttore. Ma il suo nome è legato soprattutto al “Senjam beneške piesmi”, il festival della canzone della Slavia, del quale è stato il motore per oltre 41 anni, avvicinando alla musica e al dialetto sloveno un gran numero di giovani. Il testo della canzone “Pustita nam rože po našim sadit” (lasciateci piantare i fiori a modo nostro), con la quale vinse il primo festival nel 1971, è ancor oggi una sorta di programma per la tutela dell’identità slovena nelle Valli del Natisone. Clodig è stato più volte presidente del circolo “Rečan”, ideatore e organizzatore di innumerevoli iniziative culturali, autore di testi teatrali e poesie in dialetto sloveno. Nel 2009 ha pubblicato la raccolta di versi “Duhuor an luna” (il gufo e la luna). Il funerale si terra sabato 7  febbraio alle 14.30 a Liessa.