13 aprile 2017 / 13. april 2017

Rezija ta-pod abacïjo to tu-w Mužacë
Resia sotto l’abbazia di Moggio

14Abbazia di MoggioKarjë nih šekolöw Rezija jë bila ta-pod abacïjo to tu-w Mužacë. Iso abacïjo jë jo zdëlel naredit patriarka Swatobor, ki an jë znen bojë po jïmano Federico, lëta 1085 dopo, ki grof Kocelj jë bil šinkal patriarkatu tu-w Akwileji rad, ki an mël tu-w Mužacë, ito ki jë nešnji din abacïja, ano pa wso zëmjo, ki an mël, pa Rezijo.
Zawöjo isaa pa izdë w Reziji jë wkažïwal te mužaški ćalüni ano fratinavi so skërbali za düšo. Isö to jë bilo pa kar somö bili ta-pod Banïtki (1420-1797) dardo lëta 1773.
Po itin Rezija jë bila ta-pod frančöwzi anu ta-pod tëmi niškimi. Kumün Rezija jë bil norëd lëta 1805.
Nejzad od lëta 1866 Rezija jë ta-pod tëmi laškimi. (Sandro Quaglia)

Dal tardo Medioevo e per tutta l’Era Moderna la vallata di Resia dipese principalmente dalla millenaria abbazia di San Gallo in Mužac/Moggio Udinese. Questa fu fondata nel 1085 dal patriarca di Aquileia Swatobor, più conosciuto con il nome di Federico, a seguito della donazione da parte del conte Kocelj/Cacellino del feudo di Mužac/Moggio, di cui faceva parte il bacino del Fella compresa la Val Resia. Con la fondazione dell’abbazia mosacense anche tutto il territorio della Val Resia fu sottoposto alla giurisdizione della stessa e la cura d’anime fu affidata ai monaci benedettini con a capo un abate residente. Dopo il periodo della Patria del Friuli (1077 – 1420) durante il quale questa unità amministrativa, politico-religiosa era amministrata dai Patriarchi di Aquileia, il feudo di Moggio in epoca veneziana (1420 – 1797) era guidato da un abate non residente, detto commendatario, rappresentato localmente da un governatore. L’abbazia fu soppressa nel 1773 dal Senato Veneto che decretč cosi la fine, in loco, del lungo periodo feudale. In epoca contemporanea, dopo i brevi periodi della monarchia asburgica, del regno napoleonico d’Italia (durante il quale, nel 1805, venne istituito l’attuale Comune di Resia) e dell’impero austriaco, dal 1866, Rezija/Resia, come il Friuli, fu annessa al Regno d’Italia.