12 maggio 2017 / 12. maj 2017

Mojnik ta-na Ravanci
L’usanza del Mojnik a Prato di Resia

11MajnikPyrvi din moja, ta-na Ravanci, na ne 11 pojütrë je se rakla ta valïka miša za spomanot ko ta bö valïka cirköw ta-na Ravanci jë bila žinana. So bili karjë judi ano štirji jëravi. Pra Lorenzo Caucig ćalïn ano abet tu-w Mužaci, pra Arduino Codutti jëro ta-na Pultabji, pra Raphael jëro ta-na Bili anu tu-w Klüži, pra Gianluca Molinaro jëro tu-w Reziji.
To jë bilo löpo vïdët wkop krïže od te Solbaske, Osöjske, Njïvaške, Biske ano Ravanške carkve ki, tej nur naa tïmpa, ni so se sprawjale za Mojnik ta-na Ravanci tu ki po starin jë bila naa soma cirköw za wso to rozajonsko dolïno. So bili pa ti ravanški ćamararji ki, tej ti drüï tu-w Reziji, se troštajo cëlo lëto za spravit beče, ki se doparajo za te carkwonske potribe. Tej po nawadi ta-na orïci, ta-prad carkwo, jë bil jarmerk. (s.q.)

Nella ricorrenza del Mojnik, l’1 di maggio alle 11.00 a Prato di Resia/Ravanca è stata celebrata una messa solenne in ricordo del giorno in cui la grande chiesa paesana è stata consacrata. A coofficiarla, davanti a un gran numero di presenti, sono stati quattro sacerdoti: mons Lorenzo Caucig, abate a Moggio Udinese, don Arduino Codutti, parroco di Pontebba, don Raphael, parroco di Resiutta e di Chiusaforte e don Gianluca Molinaro, parroco a Resia/Rezija.

È stato bello vedere riunite le croci delle chiese di Stolvizza/Solbica, Oseacco/Osoane, Gniva/Njiva, San Giorgio/Bila e Prato, che, come un tempo, si sono riunite per il Mojnik. Alla messa hanno presenziato anche i camerari di Prato che, come gli altri in Val Resia, raccolgono durante l’anno i soldi impiegati per le necessità della chiesa. Sempre come da tradizione, sulla piazza davanti alla chiesa è stato allestito un mercato.