11 aprile 2018 / 11. april 2018

Evropska unija dolžna nas varovati
La nostra tutela sarà europea

1MinorityVse jezikovne manjšine v Evropi tele dni se veselijo, zatuo ki je 1.215.879 ljudi do 3. obrila podpisalo peticijo, de se Evropsko Unijo parsili, de bo buj aktivna v varvanju nacionalnih in jezikovnih manjšin. Uspeh iniciative je šu čez vsako parčakovanje.

Federativna zveza evropskih narodnosti FUEN je muorla zbrati adan milijon podpisu evropskih daržavljanu. Zbrala jih je skor 216 tavžint vič. Lepuo je, de je biu tudi v Italiji pru zadnji dan dosežen kvorum. Potriebnih je bluo 54.750 podpisu, zbranih pa skor 60 tavžint.

Med slovenskimi organizacijami in ustanovami v Italiji so k iniciativi Minority SafePack parstopile stranka Slovenska skupnost, Svet slovenskih organizacij, Slovenska kulturno- gospodarska zveza, »Primorski dnevnik«, tednik »Novi glas« in petnajstdnevnik »Dom«.

Iniciativa je imiela še poseban uspeh med Slovenci v videnski provinci. Ocena je, de je bluo iz Benečije, Rezije in Kanalske doline okuole tavžint podpisu zbranih na formularjah alpa direktno po intenetu.

»V Benečiji smo pobrali skor pù vsieh podpisu med Slovenci v Italiji. Zlò, zlò sam ostu presenečen že na Dnevu emigranta. Se niesam parča-segue kovau tarkaj podpisu in bi jih lahko pobrali dost vič, če bi imieli vič ljudi na razpolago za pobieranje.«

Pa tuole nie vse. Benečani so puno nardili, de bi zbrali zadost podpisu v Slovniji.

Kapilarno so vprašali podpuoro parjateljam v Posočju in drugod, takuo de se je pokazalo, kakuo dobro diela čezkonfinsko sodelovanje. Par vsiem tuolim je veliko vlogo igru prù petnajstdnevnik Dom,« je poviedu predsednik Sveta slovenskih organizaciji Walter Bandelj.

Bandelj je biu v delegaciji, ki je 6. obrila nesla v Bocen podpise zbrane med Slovenci v Furlaniji Julijski krajini. Bli so tudi podpredsenik Deželnega sveta Igor Gabrovec, predsednik SKGZ Rudi Pavšič in goriški tajnik Slovenske skupnosti Julijan Čavdek. Sparjeli so jih predsednik Pokrajine Bocen Arno Kompatscher, senator Meinhard Durnwealder in evpropski poslanec Herbert Dorfmann, ki je lietos guoriu na Dnevu emigranta.

Vsi so poviedali, de bo trieba od blizu slediti stopinjam, ki jih bota nardila Evropska komisija in Evropski parlament, de bota uresničila, pravice, ki jih je čez milijon in dviestuo tavžint Evropejcu vprašalo za 50 milijonu daržavljanu, ki parpadajo jezikovnim manjšinam.

5Minority SafepackLe minoranze linguistiche all’interno dell’Unione Europea hano vinto la loro sfida. Ha avuto uno strepitoso successo, infatti, l’iniziativa civica Minority SafePack, che ha offrerto ai cittadini l’occasione di migliorare, con la propria firma (anche elettronica), la posizione delle minoranze etnico- linguistiche a livello europeo. Si trattava di raccogliere un milione di firme con cui impegnare l’Unione Europea a garantire standard giuridici europei nell’ambito della tutela delle minoranze etniche. Le firme registate allla scadenza del termine, il 3 aprile, erano 1.215.165. In Italia 59.320 (il quorum per il nostro Paese era di 54.750).

Minority SafePack ha ottenuto un grande risultato anche tra gli sloveni della provincia di Udine. Sommando le adesioni sui moduli cartacei (diverse centinaia raccolte solo al Dan emigranta lo scorso 6 gennaio, parecchie quelle poi apposte e recapitate alle sede del nostro giornale, dello Sso provinciale e dell’associazione Blanchini) e quelle espresse via internet, la cifra si aggira sul migliaio.

Il milione di firme era stato superato già il 29 marzo, quindi la prima condizione perché il Minority SafePack avesse successo era stata soddisfatta. Il secondo criterio, cioè il raggiungimento del quorum in almeno sette Stati Membri Ue, era stato centrato il 20 marzo, con la soglia minima oltrepassata in Romania, Lettonia, Spagna, Ungheria, Slovacchia, Croazia e Danimarca. In seguito il numero minimo di firme è stato raggiunto anche in Bulgaria, Lituania, Slovenia e, proprio l’ultimo giorno utile, in Italia.

Il testo dell’iniziativa è il seguente: «Chiediamo all’UE di adottare un insieme di atti giuridici per migliorare la protezione delle persone appartenenti a minoranze nazionali e linguistiche e per rafforzare la diversità culturale e linguistica in seno all’Unione. Negli atti devono essere previste iniziative politiche in materia di lingue regionali e minoritarie, d’istruzione e di cultura, di politica regionale, di partecipazione, d’uguaglianza, di contenuti audiovisivi e di altri contenuti mediatici, nonché di sostegno regionale (statale)».

Nell’Unione Europea 50 milioni di persone circa appartengono a una minoranza linguistica, ma questo dato è pressoché sconosciuto alla maggior parte dei cittadini europei. Queste genti contribuiscono in modo determinante alla diversità linguistica e culturale dell’Europa, sono il simbolo stesso dell’aspirazione dell’Unione Europea ad essere unita nella diversità.

Per questo motivo nel 2012, su impulso della FUEN (Federal Union of European Nationalities), è stato avviato, attraverso lo strumento del diritto d’iniziativa dei cittadini europei (European Citizens’ Initiative), il Minority SafePack, che include un insieme di misure per la tutela delle persone appartenenti ad una minoranza nazionale e linguistica e per il mantenimento e lo sviluppo del patrimonio culturale europeo, nel rispetto e nella valorizzazione della varietà culturale e linguistica che caratterizza il Vecchio Continente.

L’iniziativa venne in un primo momento respinta dalla Commissione europea in quanto la tutela delle minoranze fu ritenuta di competenza esclusiva dei singoli Stati. Ma, a seguito del ricorso dlla FUEN, la Corte di Giustizia ha affermato che la Commissione fosse invece tenuta ad occuparsi della questione.