2 febbraio 2018 / 2. februar 2018

Barve rezijanskega pusta
I colori del carnevale resiano

11Carnevale a ResiaAnche in Val Resia è già aria di püst, il carnevale. A dare il via al più tradizionale di tutti gli eventi organizzati nella vallata, venerdì 9 febbraio a Prato/Ravanca, nel centro culturale Rozajanska kultürska hïša, ci sarà la proiezione del film documentario «Geo Reportage: Val Resia», curato dal regista Gordian Arneth, mentre per i balli e la musica resiana bisognerà aspettare il giorno seguente, quando a San Giorgio/Bila, nel salone dell’Associazione Sangiorgina e all’osteria Alla speranza, si potrà iniziare a immergersi nello spirito carnevalesco.

Successivamente, dalle 10.00 di domenica, 11 febbraio, Püstawa nadëja, sempre al centro culturale Rozajanska kultürska hïša ci sarà la possibilità di assistere alla presentazione della mostra «Püstave ubličïla anu šküfe tu-w Friulu/Maschere e costumi di carnevale in Friuli».

A questo evento, presentato dal folclorista Valter Colle, oltre a quelle della Val Resia saranno in mostra le maschere di Montefosca/Čarni varh, Rodda/Ruonac (Pulfero), Tarcento/ Tarcint e Timau/Tischlbong. La mostra sarà visitabile fino a mercoledì Nel pomeriggio dello stesso giorno, nella piazza storica di San Giorgio, luogo deputato alle manifestazioni carnevalesche, si potranno vedere ballare tutte le maschere della tradizione resiana e in particolare Te lipe bile maškire («Le belle maschere bianche») che fanno la loro comparsa proprio in quest’occasione.

Per i più piccoli, lunedì, 12 febbraio, Te mali püst, a Stolvizza/Solbica ci sarà il «Pusto-bimbo bim bum bam», un pomeriggio dedicato al carnevale dei bambini. Quest’anno sarà arricchito da un laboratorio organizzato dal Museo della Gente della Val Resia in collaborazione col Museo dell’arrotino, dove i bimbi potranno realizzare il proprio babac e portarlo lungo le vie del paese e al rogo finale. Sempre a Stolvizza, nella biblioteca comunale, si potrà imparare a leggere in resiano e cantare Ta püstawa («La canzone di carnevale»). Il calendario di eventi si concluderà a San Giorgio con il mercoledì delle ceneri, Te din na pëpël, dove alle 18.00 ci sarà la premiazione del concorso «E tu che babac sei?» mentre alle 19.00 seguiranno la processione e il rogo del babac, il fantoccio che rappresenta il carnevale. (Sandro Quaglia)

Tudi v dolini Rezija se pripravljajo na pust. V okviru pestrega programa bodo v petek, 9. februarja, v Rozajanski kultürski hïši na Ravanci predvajali dokumentarec z naslovom  »Geo Reportage: Val Resia«, ki je nastal pod režijo Gordiana Arnetha. Naslednji dan, v soboto, 10., bodo pa v Bili začeli pustovati z rezijansko glasbo, sicer v dvorani društva Associazione Sangiorgina in v gostilni Alla speranza.

V nedeljo, 11. februarja, bodo spet v Rozajanski kultürski hïši predstavili razstavo z naslovom »Püstave ubličïla anu šküfe tu-w Friulu/Maschere e costumi di carnevale in Friuli« (v knjižnem slovenskem jeziku »Pustna oblačila in maškare v Furlaniji«). V okviru razstave si boste lahko ogledali maškare iz krajev Montefosca/Čarni varh, Rodda/Ruonac (v občini Podbuniesac), Tarcento/Tarcint (kjer govorijo furlanščino) in Timau/Tischlbong (kjer govorijo nemško narečje). Razstava bo odprta do srede, 14. februarja.

Vedno v nedeljo, 11. februarja, bodo rezijanske maškare plesale na bilskem trgu.

V ponedeljek, 12. februarja, popoldne bo na Solbici pustna prireditev za otroke, z naslovom »Pusto-bimbo bim bum bam«. Letos jo bo obogatila delavnica, ki jo organizira Muzej rezijanskih ljudi v sodelovanju z Muzejem brusača, v okviru katere bodo otroci lahko sami izdelali svoje babace. Vedno na Solbici bodo zainteresiranim poučevali pesem »Ta püstawa«. Na pepelnici bo ob 18.00 na Bili nagrajevanje v okviru tekmovanja »E tu che babac sei?«; ob 19.00 bo pa procesija s sežigom babaca, ki predstavlja pust.