2 marzo 2018 / 2. marec 2018

500-krat odprli Okno v Benečijo
500 volte Okno v Benečijo

1OknoV soboto, 24. febrarja, je postaja videnske nadškofije Radio Spazio že 500. krat odparla Okno v Benečijo. Tela oddaja je namienjena vsiem Slovencem v videnski provinci in je šla parvič v eter 21. junija 2008. Od tekrat je na sporedu vsako soboto ob 21. uri, ponovitev pa je vsako nedeljo ob 21. uri. Parpravlja jo uredništvo Doma.

V oddaji, ki traja parbližno 50 minut, je pregled o vsiem tistim, kar se liepega in manj liepega dogaja v Benečiji, Reziji in Kanalski dolini. Gre za novice, komentarje in pogovore. Puno cajta je posvečeno domači muziki, predvsiem skladbam Sejma beneške piesmi, de bi na šle v pozabo. Saj so velika bogatija in kažejo, kakuo naši ljudje znajo dielati z muziko.

Oddajo od vsega začetka vodi Ezio Gosgnach, razen dvieh liet, kar jo je parpravljala Ilaria Banchig. Sodelujejo Larissa Borghese, ki vsak tiedan pravi, kaj se bo liepega in zamimivega zgodilo v tiednu v Benečiji in okolici, Luigia Negro, ki guori o Reziji, in Luciano Lister, ki predstavlja narbuj zanimive novice iz Kanalske doline. Vsaki krat je tudi pogovor s kajšnim gostam o aktualnih temah.

Oddaje Okno v Benečijo na poslušajo samuo ljudje, ki žive v domačih krajeh, ampa tudi tisti ki so šli po svietu, sa’ se jo lahko posluša tudi po internetu (www.radiospazio103.it). Kduor zamudi oddajo v saboto in v nediejo zvičer, jo lahko ušafa na internetu in posluša, kadar želi. Seviede tudi na pametnim telefonu (smartphonu).

Ideja o informativnem oknu za Slovence v videnski provinci je paršla od ljudi, ki dielajo in sodelujejo par petnajstdnevniku Dom, kulturnem združenju Blankin in zadrugi Most.

Radio Spazio je imeu in šele ima od pandiejka do petka lepe oddaje po slovensko, ki jih parpravlja skupina kulturnih dielucu iz Gorice. Deset liet odtuod je predsednik Blankina Giorgio Banchig dau iniciativo, de bi imieli Slovenci iz Benečije, Rezije in Kanalske doline svojo oddajo v saboto in nediejo. Ime so prevzeli od oddaje za Benečane, ki je bla na Radiu Opčine v Osemdesetih letih prejšnjega stuolietja. Med ustanovitelji in stalnimi sodelavci je biu tekrat tudi nepozabni kantavtor Keko Bergnach. Radio Spazio pa je informativnega značaja in je sama postaja, ki ima oddaje po italijansko, furlansko, slovensko in niemško. »Živimo v svietu informacije in takuo istočasno zvemo, ka’ se dogaja na drugem kraju sveta; po televiziji, na radiu, po internetu neprestano tečejo novice iz vsieh kraju. Poznamo, ka’ se dogaja na Japonskem in v Avstraliji, vičkrat pa na vemo, kì ratava malo kilometru od nas al’ pa na drugi strani konfina, zatuo ki, če so padle schengenske meje med Slovenijo in Italijo, tiste elektronske šele obstajajo in ločujejo ljudi istega jezika in kulture,« je 30. junja 2008 napisu v Domu Banchig.

Deset liet potlé je veseu uspeha iniciative. »Skuoze Okno v Benečijo naš jezik gre okuole, spolieta v petih kontinentih in je žiu, parsoten in parljubljen. Zatuo oddaji želimo še 500 puntat, še deset liet in vič. Troštamo se, de nam bo tehnika nimar vič pomagala, de bi aršerili našo parsotnost, naš jezik, našo kulturo in tiste, kar dielamo, de bi se obvarvala,« je predsednik Blankina poviedu v 500. oddaji.

Natuo se je iz sarca zahvalu sodelavcam. »Trieba jih je pohvaliti in tudi priznati, de so s telo oddajo ustavarili nieko skupnost. Ankrat so bli na adni strani Rezijani, na drugi Kanalčani, na trečji terski, na četarti nediški in na peti idarski Slovenci. Z oddajo Okno v Benečijo in z drugimi iniciativami smo na poti, de združimo naše ljudi. De Rezijan se na čuje manj al’ vič vriedan ku Kanalčan in Benečan, ampa de smo adna sama družina na telem pasu od Tarbiža do Prapotnega. Muoramo se truditi, de se nimar buj poznano in nimar buj sodelujemo. Tudi s Posočjam.« (U.D.)

7radioSabato, 24 febbraio, l’emittente dell’arcidiocesi di Udine, Radio Spazio, ha già per la 500. volta aperto una finestra sugli sloveni della provincia di Udine con «Okno v Benečijo» («Finestra sulla Slavia Friulana»). Rivolta a tutti gli sloveni della provincia di Udine, questa trasmissione è andata in onda per la prima volta il 21 giugno 2008. Da allora è in programma ogni sabato alle 21.00, in replica, invece, ogni domenica alle 21.00. A realizzarla è la redazione del Dom.

In circa 50 minuti, fa una rassegna di tutto ciò che succede di bello e meno bello nelle Valli del Natisone, del Torre, a Resia e in Valcanale, con notizie, commenti e interviste. Molto tempo è dedicato alla musica locale, soprattutto alle canzoni del festival della canzone dialettale slovena «Senjam beneške piesmi». Non vanno dimenticate, perché costituiscono una grande ricchezza e mostrano come la nostra gente ci sappia fare con la musica.

Tranne che per due anni, quando a curarla è stata Ilaria Banchig, fin dall’inizio a condurre la trasmissione è stato Ezio Gosgnach. Tra i collaboratori figurano Larissa Borghese, che ogni settimana annuncia ciò che di bello e interessante si svolgerà nelle Valli del Natisone e dintorni; Luigia Negro, che parla di Resia, e Luciano Lister, che presenta le notizie più interessanti provenienti dalla Valcanale. Ogni volta c’è anche un’intervista a un ospite, inerente temi d’attualità.

Le puntate di Okno v Benečijo non sono ascoltate solo da persone che vivono nei paesi della zona, ma anche da quanti sono andati per il mondo, visto che può essere ascoltata anche via internet (www.radiospazio103.it). Chi la perde il sabato e la domenica sera, la può trovare su internet e ascoltare quando vuole, ovviamente anche dallo smartphone.

L’idea di una finestra d’informazione per gli sloveni della provincia di Udine è nata da persone che operano e collaborano nell’ambito del quindicinale Dom, dell’associazione culturale Blanchini e della cooperativa Most.

Da lunedì a venerdì Radio Spazio offriva e offre ancora alcune belle trasmissioni in sloveno, preparate da un gruppo di operatori culturali di Gorizia-Gorica. Dieci anni fa il presidente del’associazione Blanchini, Giorgio Banchig, ha dato l’iniziativa affinché gli sloveni della Valli del Natisone e del Torre, di Resia e della Valcanale avessero una propria trasmissione il sabato e la domenica. Il nome è stato mutuato dalla trasmissione rivolta agli sloveni della Slavia Friulana che andava in onda su Radio Opicina negli anni Ottanta del secolo scorso e che tra i cui fondatori e collaboratori stabili figurava l’indimenticabile cantautore Keko Bergnach. Radio Spazio è una stazione a carattere informativo e l’unica a offrire trasmissioni in italiano, friulano, sloveno e tedesco. «Viviamo nel mondo dell’informazione e, così, veniamo contemporaneamente a conoscenza di quanto che accade negli altri luoghi del mondo; alla televisione, alla radio, su internet scorrono costantemente notizie provenienti da ogni dove. Veniamo a sapere cosa succede in Giappone e in Australia, spesso, però, non sappiamo cosa succeda a pochi chilometri da noi o dall’altra parte del confine, perché, se i confini di Schengen tra Slovenia e Italia sono caduti, quelli elettronici esistono ancora e separano gente con la stessa lingua e cultura», Giorgio Banchig scriveva, il 30 giugno del 2008, sul Dom.

Dieci anni dopo, è felice del successo dell’iniziativa. «Attraverso la finestra di Okno v Benečijo la nostra lingua viaggia, vola nei cinque continenti ed è viva, presente e amata. Per questo, alla trasmissione auguriamo altre 500 puntate, altri dieci anni e più. Confidiamo che la tecnica ci aiuti sempre più a espandere la nostra presenza, la nostra lingua, la nostra cultura e ciò che facciamo al fine di proteggerla» ha detto il presidente del Blanchini nel corso della 500. puntata.

Ha ringraziato di cuore, inoltre, tutti i collaboratori. «Vanno lodati e va riconosciuto come con questa trasmissione abbiamo creato una comunità. Una volta da una parte c’erano i resiani, dall’altra i valcanalesi, da una terza quelli delle Valli del Torre, da una quarta quelli delle Valli del Natisone e da una quinta gli sloveni della Val Judrio. Con la trasmissione Okno v Benečijo e altre iniziative siamo ci troviamo lungo un percorso volto a dare unione alla nostra gente. Perché un resiano non senta di valere meno o più di un valcanalese o un beneciano, ma che costituiamo una sola famiglia nella zona che va da Tarvisio-Trbiž a Prepotto-Prapotno. Dobbiamo darci da fare per conoscerci e collaborare sempre di più. Anche con la Valle dell’Isonzo».